Prima di catapultarsi nel mondo del lavoro, dovresti considerare l’idea di cercare un tirocinio. Sarà necessario perciò conoscere e capire a cosa serve lo stage.

L’assunzione di nuovi lavoratori, comporta per un’azienda costi davvero ingenti. Per questo motivo le aziende hanno sempre più spesso optato per lo stage, che rappresenta uno strumento flessibile per formare – e testare – i futuri lavoratori.

Ma lo stage non porta beneficio soltanto alle aziende, bensì costituisce un’esperienza formativa utilissima anche per i giovani che per la prima volta si confrontano con il mondo del lavoro.

Ti diamo 5 buoni motivi per capire a cosa serve lo stage e valutare le offerte di tirocinio:

1. Fare esperienza.

Lo stage ti permetterà, finalmente, di passare da un piano esclusivamente teorico a uno più pratico. Il master, purtroppo, fornisce raramente un percorso di orientamento al lavoro e l’offerta formativa si limita a un approfondimento teorico, tutt’altro che professionalizzante. Anche i tirocini formativi curriculari non sono sempre presenti od obbligatori.

Lo stage, dunque, ti darà la possibilità di fare un’importante esperienza formativa sul fronte pratico. Non solo potrai acquisire le competenze per svolgere la precisa mansione che andrai a ricoprire, ma al tempo stesso apprenderai molte facoltà “extra professionali”, che la teoria universitaria non può fornirti, come la familiarità con le dinamiche aziendali, le relazioni con i colleghi, ecc.

2. Verificare se è il lavoro che fa per te.

Lo stage è una grande opportunità per verificare se realmente la pratica lavorativa di una determinata mansione corrisponde ai tuoi interessi.

In genere, si tratta di un’esperienza che può durare da due a dodici mesi, durante la quale ti sarà possibile “provare” il lavoro per cui ti sei candidato e capire se possiedi le capacità adatte per affrontarlo e se davvero ti piacerebbe lavorare in un certo settore o ambiente.

3. Imparare e crescere.

Lo stage è per definizione un percorso formativo. Scoprire di non avere tutte le conoscenze richieste per una mansione, potrà essere uno stimolo ad imparare le abilità che ti serviranno per la tua futura carriera.

Inoltre, lavorerai a stretto contatto con colleghi specializzati in altri settori, il che ti permetterà di apprendere anche alcune abilità trasversali e importanti doti comunicative.

Tutto ciò ti garantirà una notevole crescita, sia sul piano professionale che su quello personale.

4. Assumere consapevolezza e fiducia in se stessi.

Naturalmente, l’acquisizione di pratica ti consentirà di costruire gradualmente una sempre più salda fiducia in te stesso.

Nutrirai una consapevolezza professionale, realizzando quali sono i tuoi punti di forza e quali i tuoi limiti.

5. Cominciare a confrontarsi con il guadagno di denaro.

La retribuzione di uno stage consiste in un rimborso spese che permette di entrare nell’ottica di un compenso per il lavoro che si svolge.

Lo stage, anche se magari non ti consentirà di svincolarti dal nucleo familiare, ti aiuterà a capire il valore del denaro: potrai iniziare ad autofinanziare qualche tua spesa, in attesa di uno stipendio maggiore che ti renderà indipendente.

Ricorda sempre che il valore di uno stage non si limita al compenso in denaro ma all’effettiva esperienza concreta che lo stage ti può fornire.

Fonte: 4stars